mercoledì 30 ottobre 2013

Morti di Fama - Giovanni Arduino, Loredana Lipperini

Ciao a tutti, followers del blog! Oggi nuova recensione riguardante un libro che si è rivelato una lettura molto interessante e che vi consiglio di leggere, se amate l'argomento trattato!
A presto e buone letture.
[...]le aziende guardano al numero di iscritti, delle visualizzazioni e dei commenti, non alla qualità.


Titolo Morti di Fama
Titolo originale Morti di Fama
Autore Giovanni Arduino, Loredana Lipperini
Edito Corbaccio
Prezzo 12,90 €
Pagine 250
Genere Saggistica
Internet è il luogo dove gli individui si creano una identità, fanno di se stessi un marchio, un prodotto da promuovere.

TRAMA
Benvenuti nella Nuova Rete, il tendone da circo sotto il quale folle oceaniche si creano un’identità e fanno di loro stesse un prodotto da promuovere, un marchio. Benvenuti dove miliardi di utenti documentano, condividono, amplificano e pubblicizzano ogni istante della loro vita e delle loro attività. Dove si alleano con altri marchi simili e alimentano la loro micronotorietà attraverso blog, Facebook, Twitter e decine di piattaforme e applicazioni, sfruttando l’approvazione d’impulso tipica dei social network. E dove rischiano di trasformarsi in ridicoli fenomeni da baraccone, condannati a venire presto dimenticati.

RECENSIONE DI EHRNAIDER
Appena letto l'argomento trattato, Morti di fama è entrato nella mia lista dei libri da leggere.
Prima di aprirlo, mi aspettavo di trovarmi davanti a un saggio riguardante solo il mondo del web, e invece, come subito precisano gli autori all'inizio, mi sono ritrovato davanti ad una analisi di molteplici problematiche.

Il lettore, quindi, non si presta ad analizzare e riflettere su un solo tipo di problema, ma va incontro a tantissimi, alcuni più importanti e altri meno importanti, che portano tutti a una lunga riflessione.
Direi comunque che, uno degli aspetti maggiormente approfonditi, è quello del WEB, in particolare il concetto di fama. Viene presa in considerazione la microfama e di come essa sia legata al mondo di Youtube, di Blogger e dei Social Networks in generale.
Anche chi non è un utilizzatore assiduo di questi strumenti, conosce di certo persone che sono diventate famose grazie al loro utilizzo; basta accedere a Youtube, per esempio, e vedere come, tra i video consigliati, ci siano sempre le stesse persone, quelle che Youtube stesso considera famose perché ottengono migliaia e migliaia di visualizzazioni.
Oltre al campo tecnologico, i due autori analizzano l'aspetto LETTERARIO presente nel nostro stato e non solo. Si parte quindi dall'analisi del self-publishing, del suo funzionamento, del come viene utilizzato e del fatto che si sta diffondendo sempre di più, grazie anche alle possibilità che offre il sito Amazon con il suo relativo servizio Kindle Worlds
Si parla poi dell'editoria del momento, delle scelte di pubblicazione, del ruolo dei book blogger e dei booktuber, oltre a mettere in luce le differenze tra gli editori italiani e quelli stranieri.
Un libro dunque, da come si può capire, pieno di informazioni, citazioni e dati che sostengono e rafforzano la tesi dei due autori, oltre ad avere una funzione informativa per il lettore, il quale scopre moltissimo, sia sul mondo del web che su quello dei libri.
Uno stile piuttosto semplice, che permette di comprendere anche quelle parti in cui si parla di argomenti molto specifici, perché vengono semplificati e resi chiari a tutti.
Ogni tanto, magari, ci si ritrova davanti a periodi un po' troppo lunghi, che possono confondere il lettore, il quale si trova nella situazione di rileggere una parte più di una volta.
Una lettura che mi sento di consigliare, specialmente se amate gli argomenti trattati, perché permette di approfondire le proprie conoscenze o di acquisirle, in caso non le si abbia.

Con Internet tutto diventa ancora più facile, alla portata di tutti e persino comodo, perché si può diventare odiatori senza metterci la faccia, o il nome [...]


VOTO FINALE

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Dopo il festival di Senigallia questo libro fa riflettere.Eravamo in cento reali e diecimila virtuali .La verita` e` reale o virtuale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è vero. Porta spesso il lettore a riflettere! ;)

      Elimina