domenica 9 febbraio 2014

Legend - Marie Lu

Ciao a tutti, followers! Oggi voglio parlarvi di un libro che ho finito di leggere qualche giorno fa, che mi è piaciuto tantissimo e di cui non vedo l'ora di leggere i seguiti!
Ringrazio la Piemme per la copia del libro.
Un saluto e a presto.


Titolo Legend
Titolo originale Legend
Autore Marie Lu
Edito Piemme Freeway
Prezzo 16,50 €
Pagine 259
Genere Distopico

Metias fissò lo sguardo nel vuoto. Pochissime persone uccidono per le ragioni giuste, June, aggiunse dopo un lungo silenzio. La maggior parte lo fa per quelle sbagliate. Spero soltanto che tu non debba mai trovarti in nessuna delle due categorie.

TRAMA
Los Angeles, Stati Uniti. Il Nord America è spaccato in due parti, la Repubblica e le Colonie, e la guerra sembra destinata a non finire mai. A quindici anni, June è già una promessa della Repubblica. Nata in una famiglia ricca e prestigiosa, oltre a una bella casa, un mucchio di soldi e la possibilità di frequentare le scuole migliori, possiede anche un vero talento nel cacciarsi nei guai e senza l’intervento di Metias, il fratello maggiore, probabilmente qualcuna delle sue bravate all’accademia militare sarebbe già finita male. Dalla morte dei genitori, Metias è l’unico su cui può contare, almeno fino al giorno in cui viene ucciso in circostanze misteriose. Il primo sospettato è Day, un ragazzo della stessa età di June, ma nato e cresciuto nei bassifondi della Repubblica. Ed è anche il criminale più ricercato del paese. Da quel giorno, June ha un unico desiderio: vendicare Metias. Ma per lei e Day il destino ha altri piani.

Appena letta la trama di Legend, ho subito pensato che presentasse delle ottime idee e per questo ho deciso di metterlo in wishlist. Quando ho visto che sarebbe arrivato in Italia, non ho più voluto aspettare e mi sono gettato nelle pagine del mondo creato dall'autrice Marie Lu.
Le mie aspettative, pur essendo molto alte, sono state soddisfatte appieno.

Già dalla prima riga, veniamo completamente avvolti dalle parole scritte sulle pagine e la lettura scorre via molto velocemente.

MIA MADRE MI CREDE MORTO.
Ovviamente non sono morto, ma per lei è più sicuro crederlo.

Un'introduzione intrigante, che lascia subito di stucco il lettore. Ma questo è solo l'inizio.
Direi di partire analizzando i personaggi del libro, tutti davvero ben fatti.
La storia ci viene narrata da due punti di vista, uno maschile e uno femminile.
Il ragazzo protagonista è Day, che per necessità ha dovuto abbandonare la sua famiglia e vivere in una delle parti più povere delle colonie. Questa sua esperienza lo rende sempre più forte, più coraggioso e più intelligente, anche se in determinate situazioni queste sue qualità vengono meno.
La ragazza protagonista, invece, proviene dalla Repubblica e sembra essere molto speciale. June, questo è il suo nome, sembra essere già pronta per le cariche pubbliche più importanti, pur essendo ancora molto giovane.
Restando senza genitori, l'unica persona a cui tiene veramente è suo fratello maggiore Metias. Un ragazzo che già è entrato nell'esercito e che tiene moltissimo a sua sorella. È un personaggio molto strano, perché ci troveremo spesso ad amarlo e odiarlo allo stesso tempo, in base al punto di vista che stiamo leggendo. 
Dopo diversi anni passati a vivere da solo, Day incontra una ragazza di nome Tess, che diventa subito sua compagna di avventura. Passano molto tempo insieme e si aiutano a vicenda, proprio come farebbero un fratello e una sorella.
Molto belle e sorprendenti le ambientazioni.
Moltissime descrizioni e tutte ricche di quei dettagli fondamentali e utili che indirizzano il lettore a immaginarsele in un certo modo.
Due mondi completamente differenti, la Repubblica e le Colonie, dove nel primo regna la ricchezza mentre nel secondo la povertà. Nelle Colonie non c'è solo povertà, ma qualcosa d'altro, qualcosa di nascosto, di cui pochissimi della Repubblica ne sono o ne erano a conoscenza. 
Una lettura intrigante, un libro coinvolgente, che si divora in pochissimi giorni. Mentre lo leggevo, sono andato incontro a quelle che erano state le emozioni suscitatemi da The Giver, distopico che ho follemente amato: le pagine scorrevano velocemente e io non riuscivo più a staccarmi!
Nella seconda metà del libro, questo si nota ancora di più e vi ritroverete presto sorpresi, perché il libro sarà finito e voi non ve ne sarete ancora resi conto.
Distruggente e meraviglioso è il finale.
Una conclusione curata in tutti i suoi aspetti, approfondita e che lascia completamente di stucco e distrutto il lettore.
Nelle ultime pagine succede di tutto e di più, un mix di eventi e colpi di scena incredibili, che portano il lettore all'ultima pagina del libro. Una volta letta anche quest'ultima, si rimane senza parole e ci si rende subito conto che la lettura del secondo capitolo, Prodigy, è d'obbligo.
Un distopico davvero ben fatto, un romanzo con una trama intrigante e ben gestita dall'autrice, che non mette in primo piano la love-story, bensì l'avventura, la suspense e la sorpresa, creando un mondo a dir poco perfetto. Consigliatissimo.

Sollevo la testa dalla sua spalla e lo guardo. «Non ti ho mai chiesto del tuo soprannome. Perché "Day"?»
«Ogni giorno significa altre ventiquattro ore. Ogni giorno è tutto di nuovo possibile. Si vive alla giornata, si muore in un momento, ogni cosa va presa un giorno alla volta.» mi risponde.


VOTO FINALE

10 commenti:

  1. La frase in rosso è terrorizzante :S

    RispondiElimina
  2. A Marzo esce il seguito, non vedo l'ora, due libri di una stessa serie pubblicati a distanza ravvicinata: un miracolo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si di solito non succede mai, difatti stavo già pensando di continuare la saga in lingua (anche se non mi piace leggere delle saghe un po' in italiano e un po' in originale), ma poi ho visto che uscirà il secondo a breve e non vedo l'ora *______*

      Elimina
  3. Risposte
    1. Davvero un bel libro :)
      Te lo consiglio! :D

      Elimina
  4. Lo devo assolutamente leggere!!!

    RispondiElimina
  5. La trama e la tua recensione mi hanno incuriosita moltissimo!
    penso proprio che lo leggerò :)

    RispondiElimina